C’è un altro nome nuovo per l’Androni Giocattoli Sidermec che verrà. I campioni d’Italia, infatti, hanno ingaggiato per le prossime due stagioni Simon Pellaud, 26enne corridore svizzero di cui si dice molto bene.

Con la squadra protagonista di una prima parte di stagione fantastica, culminata con un Giro d’Italia eccezionale, il team manager Gianni Savio sta lavorando intensamente anche al futuro: «Stiamo allestendo una squadra competitiva anche per il prossimo anno. Simon Pellaud è un corridore di valore, che va ad aggiungersi ai tre scalatori che in questo mese stanno ottenendo brillanti risultati: il nuovo acquisto Simone Ravanelli e i due confermati: Daniel Munoz, che si è imposto nella classifica finale del Tour of Bihor, e Kevin Rivera, che nella stessa corsa ha vinto la graduatoria dei giovani».

Pellaud (nato nel novembre del 1992) in questo 2019 corre per il team Continental Iam Excelsior con cui sta ottenendo brillanti risultati. Recentemente ha vinto la classifica generale del Tour de la Mirabelle, mentre ad inizio maggio aveva alzato le braccia in Belgio alla Fleche Ardennaise. Prima erano arrivate anche una tappa al Loir et Cher e al Tour de Romandie la maglia di miglior scalatore. Corridore completo, con un passato nel Wolrd Tour (ha corso con la Iam al debutto nel 2015 e 2016 disputando per due volte la Vuelta Espana) Pellaud non vede l’ora di arrivare all’Androni Giocattoli Sidermec: «Sono molto felice. Per me è qualcosa di grande che mi abbia cercato un manager come Gianni Savio» spiega lo svizzero in un ottimo italiano mescolato con un po’ di spagnolo. Già, perché se Pellaud in Svizzera è di casa nella sua Martigny, qualche mese dell’anno lo trascorre in Colombia: «Mi sono innamorato di quel paese quando ho corso. Ora una parte dell’anno la passo là con la mia ragazza che è colombiana». Pellaud è un corridore completo con buone doti di scalatore: «Mi definisco un attaccante; anche per questo credo che l’Androni Giocattoli Sidermec sia la squadra perfetta per me. Prima dell’accordo ho chiesto consiglio a Egan Bernal e lui mi ha detto di non avere dubbi. So che troverò un team serio, una famiglia e potrò correre con fiducia senza trascurare il mio equilibrio. Pellaud, che è seguito dal manager Mattia Galli (lo stesso che cura gli interessi di Primoz Roglic), sarà ora di scena al Gp Gippingen e al Tour de Suisse: «Cercherò di fare bene. Poi i miei sogni con l’Androni Giocattoli Sidermec saranno la Milano-Sanremo e il Giro d’Italia». E dai campioni d’Italia Pellaud spesso ha preso ispirazione da Fausto Masnada: «L’anno scorso abbiamo gareggiato al Tour of Hainan ed entrambi abbiamo vinto. Mi piace il suo modo correre. Cerco di prenderlo ad esempio».