ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC: DEVE VINCERE LA SALUTE DI TUTTI, COMPRENDIAMO GLI ORGANIZZATORI

In un momento generale così delicato il team Androni Giocattoli Sidermec comprende le limitazioni e recepisce le raccomandazioni legate alla situazione del Coronavirus contenute nel recente decreto del consiglio dei ministri. Le stesse che hanno portato all’annullamento di tutte le gare italiane fino al prossimo mese. A proposito spiega il team manager dei campioni d’Italia Gianni Savio: «Siamo totalmente d'accordo con le decisioni degli organizzatori. Riteniamo debba essere salvaguardata la salute del pubblico e di tutti i componenti le varie squadre, senza assunzione di eventuali rischi».

Da un punto di vista sportivo «certamente» prosegue Savio «spiace perché i nostri ragazzi avrebbero potuto essere protagonisti, data l'ottima condizione raggiunta e dimostrata con le undici vittorie sinora ottenute». L’Androni Giocattoli Sidermec avrebbe dovuto partecipare quest’oggi alle Strade Bianche, domani alla corsa di Larciano e la settimana prossima alla Tirreno-Adriatico. In calendario, naturalmente, erano anche gli appuntamenti della Coppi e Bartali e del Giro di Sicilia, tutti in cerca di una nuova collocazione.

C’è di più, tuttavia, per il team campione d’Italia che ovviamente ha come primo obiettivo quello di preservare la salute di tutti i membri della squadra, dai corridori al personale e alle loro famiglie, così come del grande pubblico del ciclismo. Chiude Savio: «Coerenti con le decisioni prese in Italia, rinunciamo nel mese di marzo a partecipare ad altre gare all'estero. Speriamo davvero che la situazione si normalizzi al più presto per la salute di tutti e per poter tornare ad offrire spettacolo alle corse».

In questo periodo di inattività i corridori del team Androni Giocattoli Sidermec seguiranno nuovi piani di allenamento, restando a pedalare ciascuno sulle strade di casa. Per questo ieri l’altro il team campione d’Italia ha deciso di far rientrare nei loro rispettivi paesi anche i sudamericani della squadra che avrebbero dovuto prendere parte alle gare di marzo.


IN RUANDA L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC NON SI FERMA PIU’: RESTREPO VINCE ANCHE LA CRONO

È un bilancio eccezionale quello con cui torna dal Tour du Rwanda l’Androni Giocattoli Sidermec.

Il vero mattatore della corsa è stato Jhonatan Restrepo. Il 25enne colombiano ha addirittura vinto quattro delle otto tappe, chiudendo al secondo posto in un’altra. In fuga, in volata, a cronometro: Restrepo ha fatto man bassa nella corsa ruandese. Ma per l’Androni Giocattoli Sidermec, guidata in ammiraglia dal direttore sportivo Leonardo Canciani, il Tour du Rwanda ha detto bene anche a Simone Ravanelli, in fuga in più di un’occasione e capace di cogliere due sesti posti e un quarto proprio nella tappa di chiusura di ieri. In classifica generale, dove ha primeggiato l’eritreo Tesfatsion, ha terminato al quinto posto lo stesso Ravanelli e al settimo Restrepo. L’Androni Giocattoli Sidermec, arrivata a undici successi in stagione, si è poi imposta nella classifica a squadre della corsa ruandese, gara 2.1 inserita nell’Africa Tour.

Sulle ottime prestazioni dei campioni d'Italia in Ruanda e in particolare di Jonatan Restrepo arriva il commento del team manager Gianni Savio: «Le quattro tappe vinte da Jhonatan Restrepo dimostrano quanto sia importante il ruolo di una squadra Professional nella maturazione di un giovane corridore. Approdato nel World Tour appena ventenne, non aveva potuto esprimersi, così era ritornato in Colombia e, dopo la chiusura della Postobon, si era ritrovato disoccupato. Noi lo abbiamo rilanciato e gli abbiamo concesso fiducia e lui si è rivelato plurivittorioso in questo inizio stagione».


IN RUANDA L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC NON SI FERMA PIU’: RESTREPO VINCE ANCHE LA CRONO

Chi lo ferma più. Vince anche la cronometro al Tour du Rwanda Jhonatan Restrepo. Il colombiano dell’Androni Giocattoli Sidermec fa il tris consecutivo nella settima tappa della corsa africana. Per lui è il quarto successo parziale in Ruanda, il sesto della sua stagione.

Restrepo oggi ha vinto la cronometro di 4,5 chilometri (Kigali-Mur de Kigali) precedendo l’eritreo Ghirmay (Nippo Delko) di 2” e lo svizzero Schelling (Israel Start up) di 5”. In classifica generale Restrepo sale al sesto posto, subito davanti al compagno Simone Ravanelli.

Per l’Androni Giocattoli Sidermec, che guida la classifica a squadre della corsa ruandese, è l’undicessimo successo stagionale, salutato anche dalle parole del team manager Gianni Savio che, riferendosi al mattatore della corsa, dice: «È uno dei vari corridori che abbiamo rilanciato. Era passato professionista nella Katusha e ancora giovane non era riuscito ad emergere nel World Tour. Noi gli abbiamo dato fiducia e lui l'ha ampiamente ripagata».


Il Tour du Rwanda si chiuderà domani con l’ottava tappa, Kigali-Kigali di 89 chilometri.


DECIMO SUCCESSO STAGIONALE PER L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC: IN RUANDA VINCE ANCORA RESTREPO

Un, due e tre. Ma sempre Restrepo. È il colombiano dell’Androni Giocattoli Sidermec il grande protagonista del Tour du Rwanda. Restrepo, infatti, si è imposto anche nella tappa di oggi, la sesta della gara africana. Per lui è il bis dopo il successo di ieri, il tris se aggiunto a quello della terza tappa. L’Androni Giocattoli Sidermec con la vittoria di oggi tocca quota dieci centri in stagione.

Nella Musanze-Muhanga di 127 chilometri, il 25enne di Pacora si è imposto allo sprint sui compagni di fuga Schelling e Quintero. Sesto Simone Ravanelli. Restrepo è ora settimo in classifica generale, con Ravanelli sesto. Soddisfatto il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio che segue la corsa costantemente in contatto con il direttore sportivo Leonardo Canciani: «Bravo Jhonatan che ormai non è più solamente entrenador en la cancha, ma goleador».

Il Tour du Rwanda domani proporrà la settima tappa, Kigali, Mur de Kigali, una cronometro individuale di 4,5 chilometri.


BIS DI RESTREPO PER L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC AL TOUR DU RWANDA

Ancora lui. Ancora Jhonatan Restrepo. Non si ferma il colombiano dell’Androni Giocattoli Sidermec che oggi ha centrato la quinta tappa (Rubavu-Musanze di 84,7 chilometri) del Tour du Rwanda. Dopo l’acuto di due giorni fa, la doppietta è arrivata nella volata a ranghi compatti della frazione odierna. Restrepo, al quarto centro personale in stagione, ha superato il francese Cardis (Total) e l’eritreo Tesfatsion che guida sempre la classifica generale.

Per l’Androni Giocattoli Sidermec, ieri protagonista con Simone Ravanelli, sesto al traguardo e quarto (anche oggi) in classifica generale, è il nono successo stagionale.

Il Tour du Rwanda, che si chiuderà domenica, domani affronterà la sesta tappa, Musanze-Muhanga di 127 chilometri.


RESTREPO! HURRA' ANCHE IN AFRICA PER L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC

Ieri ci era andato vicino, cogliendo il secondo posto. Oggi Jhonatan Restrepo al Tour du Rwanda ha centrato il bersaglio grosso andando a vincere la terza tappa (Huye-Rusizi di 142 chilometri). Il 25enne colombiano conferma così il suo grande stato di forma e un inizio di stagione eccellente, in cui aveva vinto già per due volte alla Vuelta al Tachira in Venezuela. L’Androni Giocattoli Sidermec, guidata in Ruanda dal direttore sportivo Leonardo Canciani, anche oggi è stata perfetta, inserendo due uomini (con Restrepo c’era Munoz, poi 8°) nella fuga che in pratica ha deciso la tappa. Da segnalare anche l’11° posto di Davide Gabburo. Per i campioni d’Italia è l’ottavo successo del 2020, ottenuto nel terzo continente dopo i sei centri in Sudamerica (cinque in Venezuela, uno in Argentina) e quello in Asia al Langkawi.

Con il successo di oggi Restrepo, che ha preceduto nello sprint a due l’eritreo Ghirmay (Nippo Delko), è entrato anche nella top ten della classifica generale (guidata proprio da Ghirmay): il colombiano è 9° con il connazionale Munoz al 6° posto.

Domani al Tour du Rwanda è in programma la quarta tappa da Rusizi a Rubavu di 206 chilometri.


L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC SFIORA IL SUCCESSO CON RESTREPO AL TOUR DU RWANDA

Un altro podio in stagione e una vittoria sfiorata per l’Androni Giocattoli Sidermec che nella seconda tappa del Tour du Rwanda ha visto chiudere al secondo posto Jhonatan Restrepo. Il colombiano dei campioni d’Italia conferma così il suo brillante inizio di stagione. Dopo il Tachira, con due successi parziali e tanti piazzamenti, Restrepo era stato brillante anche al Tour Colombia. Ora la bella prestazione in Africa dove, nella Kigali-Huye di 120 chilometri, ha chiuso alle spalle di Mulu Hailemichael della Nippo Delko. Terzo l’eritreo Ghirmay.

Restrepo, uno dei nuovi acquisti in casa Androni Giocattoli Sidermec per questo 2020, come detto, era partito forte in Venezuela alla Vuelta al Tachira dove il team manager Gianni Savio lo aveva designato “entrenador en la cancha”, un ruolo, quello di "allenatore in campo" o meglio in corsa, che il 25enne colombiano ha abbinato, e bene, a quello di finalizzatore.

In Ruanda la corsa, apertasi ieri con il decimo posto di Munoz per i campioni d’Italia, proseguirà domani con terza tappa Huye-Rusizi di 142 chilometri.


L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC VOLA IN AFRICA. DA DOMANI IL TOUR DU RWANDA

Nuova trasferta per l’Androni Giocattoli Sidermec che tocca il quarto continente con le gare di questo primo scorcio di stagione.

Dopo America, Asia ed Europa, i campioni d’Italia, infatti, saranno impegnati in Africa. L’appuntamento da domani è con il Giro del Ruanda. Otto le tappe in programma con il via dalla capitale Kigali; la chiusura, sempre a Kigali, il 1° marzo. La penultima frazione sarà una breve cronometro individuale.

Al via del Tour du Rwanda (Uci 2.1), questa la dicitura esatta della corsa, per l’Androni Giocattoli Sidermec, che in stagione è a quota sette successi, ci saranno Francesco Gavazzi, Davide Gabburo, Daniel Munoz, Simone Ravanelli e Jhonatan Restrepo. In ammiraglia il direttore sportivo sarà Leonardo Canciani.


PRESENTAZIONE AD ARONA PER L'ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC

Si è presentata ufficialmente stamattina l’Androni Giocattoli Sidermec nell’ormai abituale sede dell’hotel Concorde di Arona, sul lago Maggiore a due passi dagli stabilimenti del main sponsor Androni Giocattoli, oggi rappresentata da Paolo Scolè, con Mario Androni assente all’ultimo a causa di un importante impegno. Un vernissage, quello aronese, arrivato ad apertura di una stagione partita alla grande per i campioni d’Italia già a segno ben sette volte.

Ad Arona c’è stata l’occasione per presentare una volta di più i corridori, che pedalano sempre sulle performanti biciclette Bottecchia Emme 4 Squadra. Dei 21 nel roster solo due gli assenti, giustificati: il colombiano Miguel Florez, rimasto ad allenarsi a casa dopo gli impegni in Argentina e Colombia, e l’ecuadoriano Cepeda, che sta recuperando dopo la caduta e la frattura al polso patita al Tachira. Alla presenza di sponsor e partner tecnici della squadra, è stato il team manager Gianni Savio a passare in rassegna tutti i corridori di una Androni Giocattoli Sidermec rinnovata in ben 11 effettivi rispetto all'anno passato: Nicola Bagioli, Mattia Bais, Manuel Belletti, Alessandro Bisolti, Jefferson Cepeda, Luca Chirico, Miguel Florez, Mattia Frapporti, Davide Gabburo, Francesco Gavazzi, Daniel Munoz, Luca Pacioni, Janos Pelikan, Simon Pellaud, Simone Ravanelli, Jhonatan Restrepo, Kevin Rivera, Josip Rumac, Matteo Spreafico, Nicola Venchiarutti, Mattia Viel.


Non ha fatto mancare il suo in bocca al lupo speciale anche Pino Buda, patron di Sidermec, che ha partecipato con il consueto entusiasmo alla conferenza stampa, cui ha assistito una sala gremita di addetti ai lavori e appassionati. Il grazie a tutti gli sponsor e partner tecnici lo ha riservato Marco Bellini, responsabile marketing di Androni Giocattoli Sidermec. La fotografia di questo inizio di 2020 e di quanto la stagione potrà riservare, invece, lo ha fatto il team manager dei campioni d'Italia Gianni Savio: «Un inizio di stagione davvero entusiasmante, in contemporanea abbiamo svolto attività in tre continenti, America, Asia ed Europa, ottenendo sette vittorie e con i piazzamenti centrati al Trofeo Laigueglia il primo posto nella classifica del campionato italiano a squadre. Con la stessa determinazione intendiamo affrontare tutte le corse dell’anno, con obiettivo principale il Giro d’Italia e la conquista dello scudetto tricolore per il quarto anno consecutivo».


ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC SUGLI SCUDI ANCHE AL TOUR COLOMBIA

Florez impegnato nell'ultima tappa del Tour Colombia (Bettiniphoto).

Buona anche la trasferta colombiana per l’Androni Giocattoli Sidermec che nella corsa a tappe sudamericana chiusasi ieri ha proseguito il suo brillantissimo inizio di stagione.

Nella tappa conclusiva, la sesta con l’arrivo all’Alto de Verjon, infatti, è arrivata la bella prestazione di Miguel Florez. Il 23enne colombiano ha confermato l'ottimo stato di forma, che lo aveva portato a vincere la tappa regina della Vuelta a San Juan in Argentina a fine gennaio, battagliando nel finale in salita con i big della corsa. Florez, quarto al traguardo, ha dovuto cedere 9” solo al vincitore Martinez, 8” ad Higuita e 6” a Bernal, mettendosi alle spalle di poco Caicedo. Più staccati tutti gli altri. Con la prestazione di ieri Florez ha chiuso al quinto posto la classifica generale della corsa colombiana vinta da Higuita su Martinez, Caicedo e Bernal.

La corsa sudamericana ha detto bene all’Androni Giocattoli Sidermec, guidata in ammiraglia dal direttore sportivo Leonardo Canciani, per tutta la settimana. Lo svizzero di Colombia Pellaud è stato spesso in fuga e ha indossato per due giorni la maglia di leader dei gran premi della montagna, mentre l’altro colombiano Restrepo ha colto prima un quarto e un quinto posto e poi un terzo nella penultima frazione. Senza dimenticare che lo stesso Florez si era già visto con i primi (settimo) nell’insidioso arrivo della quarta tappa.