L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC SUBITO A SEGNO AL TACHIRA CON BENFATTO CHE È IL PRIMO CORRIDORE ITALIANO A VINCERE NEL 2019

La volata di Marco Benfatto nella prima tappa della Vuelta al Tachira.

Comincia esattamente come un anno fa, con una vittoria, la stagione dell’Androni Giocattoli Sidermec. Che poi è lo stesso modo in cui era finita quella scorsa.

Il primo squillo del 2019 per i campioni d’Italia arriva da Marco Benfatto che in Venezuela ha vinto in volata la prima tappa della Vuelta al Tachira, la Bramon-Rubio di 124,8 chilometri. Il velocista padovano, che è il primo corridore italiano a vincere in questo 2019, in volata, sul circuito di Rubio (12 giri da 10,4 chilometri), ha superato il venezuelano Orluis Aular (Gob. Miranda Trek), Isaac Yaguaro (Ropa Deportiva), Ralph Monsalve e Leonel Quintero.

«I ragazzi sono stati molto bravi a controllare la corsa» ha spiegato immediatamente dopo l’arrivo il team manager Gianni Savio che per il terzo anno consecutivo con l’Androni Giocattoli Sidermec inaugura la stagione vincendo alla prima al Tachira (nel 2017 era successo con Bonusi e nel 2018 con Malucelli). «Oggi si faceva corsa per Marco e nel finale sono stati bravi a lavorare per lui Viel e Fedrigo, gli altri uomini veloci. Nella prima parte di corsa avevano lavorato bene anche i tre scalatori. Benfatto, poi, nello sprint è stato molto intelligente a non prendere rischi nella curva ai 200 metri e a far valere il suo spunto».

Benfatto guida anche la classifica generale della 54ª Vuelta al Tachira con 2” su Yaguaro e 4” su Aular. Domani seconda tappa San Cristobal-Borota di 144 chilometri con arrivo in salita.


L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC PRONTA ALL’ESORDIO IN VENEZUELA

La squadra posa prima dell'allenamento in vista del debutto di domani. Con i corridori ci sono il meccanico Donato Pucciarelli, il team manager Gianni Savio e il direttore sportivo Giampaolo Cheula.

Parte, come abitudine ormai, dal Venezuela la stagione dell’Androni Giocattoli Sidermec. I campioni d’Italia domani debutteranno alla Vuelta al Tachira (America Tour, Uci 2.2), la corsa sudamericana che si concluderà il 18 gennaio.
Otto le tappe in programma per quella conosciuta come la "Vuelta grande de America", giunta alla 54ª edizione, che scatterà con la Bramon-Rubio di 126 chilometri e si concluderà a San Cristobal. Poco più di 1100 i chilometri totali.

L’Androni Giocattoli Sidermec sarà l’unica squadra italiana presente. Sotto la direzione del team manager Gianni Savio, come sempre preso d’assalto dai cronisti al suo arrivo nel paese sudamericano, e del direttore sportivo Giampaolo Cheula i campioni d’Italia saranno al via con Marco Benfatto, i neoprofessionisti Leonardo Fedrigo e Mattia Viel, il costaricense Kevin Rivera e i colombiani, al debutto con il team, Daniel Munoz e Miguel Florez. Una squadra equamente divisa tra uomini veloci e corridori da montagna.

L’anno passato l’Androni Giocattoli Sidermec vinse quattro tappe al Tachira, una proprio con Rivera. La corsa quest’anno proporrà tre frazioni adatte ai velocisti, mentre saranno le salite a decidere la classifica. In questo senso le frazioni più attese sono la quinta, col traguardo posto a La Grita, e la settima al Cerro el Cristo. Non si farà, invece, la cronometro inizialmente prevista per il penultimo giorno. La Vuelta al Tachira storicamente dice bene alle formazioni di Gianni Savio, capaci di imporsi nella generale in ben cinque edizioni e nel corso delle stagioni in tantissime frazioni parziali.

Parallelamente al debutto di domani, va ricordato che l'altra parte della squadra è tornata in questi giorni ad allenarsi al caldo della Spagna, prima degli altri impegni in corsa di gennaio.


SI SVELA LA MAGLIA 2019 DELL’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC

Nuova, fiammante, come le ultime stagioni ce l’hanno fatta conoscere. Con l’inizio del 2019 arriva, ufficiale, anche la nuova maglia dell’Androni Giocattoli Sidermec. Fedeli al detto “maglia che piace non si cambia”, i campioni d’Italia sono pronti a sfoggiare un completo gara in perfetta linea con quello che tanto aveva fatto breccia tra gli appassionati nell’anno appena trascorso. E che tanto al Giro d'Italia si era visto in fuga.

Così Rosti, il maglificio sportivo di Brembate che bene lavora da quattro stagioni al vestiario dell’Androni Giocattoli Sidermec, ha realizzato una maglia giovane e moderna con il rosso che resta il colore di base.

Anche gli spazi degli sponsor non si sono modificati rispetto al 2018 con Androni Giocattoli che presenterà ancora il marchio UnicoPlus. Sotto a Sidermec, secondo nome del team, resterà evidente il brand Lauretana (presente sempre su colletto e bordi delle maniche). Sul fronte e sul retro identica collocazione anche per la Tre Colli dell’indimenticato Tarcisio Persegona. Sulla nuova maglia, nella parte alta frontale, trovano poi spazio due nuovi importanti brand che da quest’anno sosterranno il team campione d’Italia. Si tratta di Ulian e Humangest. La prima azienda si occupa di catering marino, mentre la seconda è un’agenzia per il lavoro con grande esperienza nel settore delle risorse umane e della consulenza manageriale.

Da sottolineare anche la presenza ancora più evidente sulla maglia di Tenuta Ulisse, la cantina vinicola di Crecchio, che non compare più solamente sul retro all’altezza delle spalle, ma anche ben evidente sulle maniche. Anche Cama e Bottecchia si sono “moltiplicati”. Omz si è tenuta le spalle e lo spazio frontale. Ivars campeggia sui fianchi (e sulle tasche posteriori). Tra i tanti sponsor (nei calzoncini non si può dimenticare, con Androni Giocattoli e Sidermec, la presenza di Regolo e certo quella di Selle San Marco, ancor più evidente del 2018) spiccherà naturalmente anche lo scudetto tricolore, questa volta studiato da Rosti (presente su maglia e calzoncini) in posizione alta e centrale. A completare il quadro dei partner sulla maglia, così come nel 2018, Indumet e Asteel.

 

 

La maglia, insomma, è fatta. Spetterà ai corridori renderla ancora una volta vincente. Ad indossarla saranno in diciannove. I confermati sono Manuel Belletti, Marco Benfatto, Alessandro Bisolti, Mattia Cattaneo, Marco e Mattia Frapporti, Francesco Gavazzi, Fausto Masnada, Matteo Spreafico, Andrea Vendrame e il costaricense Kevin Rivera. I nuovi sono Matteo Busato, Leonardo Fedrigo, Matteo Montaguti, Matteo Pelucchi, Mattia Viel e i colombiani Julian Cardona, Miguel Florez e Daniel Munoz. A dirigerli con il team manager Gianni Savio saranno i quattro direttori sportivi Leonardo Canciani, Giampaolo Cheula, Giovanni Ellena e Alessandro Spezialetti.


SI RINNOVA LA PARTNERSHIP TRA ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC E LAURETANA

Gianni Savio, Marco Bellini, i corridori Fausto Masnada, Mattia Cattaneo e Marco Frapporti con il presidente di Lauretana Giovanni Vietti e l'amministratore delegato dell'acqua biellese Antonio Pola.

Ancora insieme. E sempre di più, per una partnership che ormai va avanti da parecchie stagioni. È quella tra il team Androni Giocattoli Sidermec e l’acqua Lauretana, che proprio in questi giorni hanno ufficializzato il rinnovo dell’abbinamento anche per la stagione 2019.

Per sancire il legame con l’azienda biellese di acqua, nello stabilimento di Graglia con il team manager Gianni Savio, il responsabile marketing e sponsor Marco Bellini, sono arrivati anche alcuni corridori della squadra campione d’Italia. Mattia Cattaneo, Marco Frapporti e Fausto Masnada durante il piacevole incontro con i vertici di Lauretana hanno avuto modo di visitare magazzini e stabilimenti di produzione dell’acqua più leggera d’Europa che ha la sorgente a 850 metri di altitudine.

I tre corridori si sono soffermati a lungo nell’area della linea di imbottigliamento che segue i più alti standard di qualità e sicurezza. A illustrare, spiegare e raccontare ci hanno pensato l’amministratore delegato di Lauretana Antonio Pola, il presidente Giovanni Vietti, il direttore commerciale Fabio Vineis e il responsabile marketing Edoardo Pampuro, che all’unisono hanno sottolineato la «soddisfazione per una partnership vincente».

Lauretana, che ha festeggiato da poco i 50 anni di attività e porta il nome della Madonna Nera di Loreto venerata nel vicino Santuario di Graglia, dà lavoro a oltre 70 dipendenti e nel 2017 ha abbondantemente superato i 30 milioni di euro di fatturato. Forte di un posizionamento mirato, Lauretana da sempre si fa apprezzare per le sue caratteristiche uniche, che la fanno essere l’acqua più leggera d’Europa. La stessa acqua che accompagna il team campione d’Italia durante tutta la stagione.

Lauretana anche nel 2019 sarà presente su maglia e pantaloncini dell’Androni Giocattoli Sidermec. Il colletto e il bordo delle maniche della maglia, come quello dei pantaloncini, continueranno ad essere motivo distintivo griffato Lauretana. Il logo, così come è stato già dalla seconda parte della stagione scorsa, troverà spazio in bella evidenza anche nella parte frontale della maglia sotto ai primi due sponsor. Ulteriore segno del rafforzamento di un binomio con il team che certo soddisfa Savio e Bellini. Lauretana, inoltre, nel 2019 comparirà anche su calze e guantini dei corridori che debutteranno a gennaio. Il marchio dell’acqua biellese naturalmente sarà presente anche su tutti i mezzi della squadra, che continuerà pure a presentare la bella borraccia azzurra con etichetta Lauretana. La “piccola bottiglia” alla prima stagione in gruppo ha riscosso interesse a apprezzamenti da tifosi e appassionati, diventando una delle borracce più ricercare dell’intero panorama ciclistico.


TERMINA IL RADUNO DI BENIDORM PER I CAMPIONI D'ITALIA

Si conclude oggi il raduno di Benidorm dell’Androni Giocattoli Sidermec. In Spagna i campioni d’Italia si sono allenati per dieci giorni, dopo avere svolto le visite mediche al Centro di Medicina dello Sport di Torino.

Temperature miti e strade pedalabili hanno favorito questa fase di preparazione del team, che all’indomani del Giro di Lombardia si era già dato appuntamento per un primo mini raduno di tre giorni a Cesenatico.

Quello Benidorm è stato però il vero ritiro in vista della stagione agonistica 2019 che per l’Androni Giocattoli Sidermec partirà a inizio gennaio con la Vuelta al Tachira in Venezuela proprio come stato nel 2018.

A Benidorm si è ritrovato l’intero gruppo, eccezion fatta per i corridori sudamericani, rimasti al caldo di casa a preparare la stagione. Nel corso dei dieci giorni spagnoli, tra allenamenti specifici, incontri e programmi, sono stati effettuati anche i test fisici alla presenza di Andrea Giorgi e Maurizio Vicini, i due medici della squadra. A seguire i corridori nelle uscite si sono alternati i tre direttori sportivi Giampaolo Cheula, Giovanni Ellena e Alessandro Spezialetti. Per la prima riunione stagionale, in vista del debutto, ha fatto tappa a Benidorm per un paio di giorni anche il team manager Gianni Savio, che ha impartito le prime importanti direttive in vista di un 2019 intenso.


DOPO I 123 PODI DEL 2018 L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC RIPARTE CON IL RADUNO DI BENIDORM

 

Dopo i 123 podi dell’incredibile stagione 2018, l’Androni Giocattoli Sidermec riparte oggi in vista del 2019 che i campioni d’Italia del team manager Gianni Savio si augurano altrettanto ricco di successi e soddisfazioni.

Il gruppo, con vecchi e nuovi, si è ritrovato, infatti, stamattina a Torino per le visite mediche al Centro di Medicina dello Sport. In serata, poi, partenza dall’aeroporto di Bergamo alla volta delle più miti temperature spagnole di Benidorm, dove corridori e staff resteranno in ritiro fino al 20 dicembre. Assenti giustificati all’appuntamento, che arriva dopo il mini raduno di ottobre a Cesenatico, i corridori sudamericani, rimasti al caldo di casa per gli allenamenti in vista delle gare di gennaio.

La nuova stagione dell’Androni Giocattoli Sidermec, dunque, è pronta a partire dopo i tanti record di un 2018 che ha portato la squadra a vincere per il secondo anno consecutivo la Ciclismo Cup e chiudere al terzo posto la classifica dell’Europa Tour. In totale, in un 2018 aperto e chiuso con una vittoria, in Sudamerica e in Cina, sono arrivati 123 podi. Un vero record anche questo, al pari delle 36 vittorie. L’Androni Giocattoli Sidermec ha raccolto podi in ogni dove nei tre continenti in cui ha corso. Primi, secondi e terzi posti, cui si sono aggiunti successi e piazzamenti nei primi tre in tante classifiche speciali. Tra le vittorie certo vanno ricordate ancora una volta le tre classifiche speciali centrate da Marco Frapporti e Davide Ballerini al Giro d’Italia, il più importante palcoscenico italiano che l’Androni Giocattoli Sidermec calcherà anche nel 2019. Un anno che oggi parte ufficialmente con il raduno. A gennaio, poi, il debutto in corsa previsto, come spesso già successo in passato, in Sudamerica.


ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC SCEGLIE ANCORA GLI INTEGRATORI INKOSPOR 

Androni Giocattoli Sidermec sceglie ancora Inkospor. Il team campione d'Italia, infatti, per il secondo anno consecutivo, utilizzerà gli integratori alimentari dell'azienda tedesca che in Italia ha sede nel livornese. Proprio la stagione appena trascorsa è alla base della rinnovata partnership. I tanti successi di Androni Giocattoli Sidermec sono passati, naturalmente, anche attraverso gli integratori di Inkospor. «Al termine di un'annata importante» spiega Benedetto Catinella, che è direttore di Inkospor Italia «ciò che ci rende maggiormente orgogliosi è sapere che è stato molto alto il grado di apprezzamento verso i nostri prodotti da parte dei corridori».

Il team nel 2018, dall'Argentina alla Cina, dall'Ungheria al Giro d'Italia in Israele, ha avuto in dotazione gli integratori della linea X-Treme, studiata nello specifico per gli sportivi professionisti. Tutti i prodotti Inkospor, va ricordato, sono garantiti da alti standard qualitativi. L'azienda, come tiene a sottolineare Catinella, è una delle poche a fare pubblicità comparativa, utile al consumatore per evidenziare la qualità delle polveri proteiche determinata dal calcolo del punteggio chimico: «Voglio ribadire anche come la nostra collaborazione con Androni Giocattoli Sidermec nasca prima di tutto per la qualità dei prodotti. Al primo posto, insomma, non c'è il legame commerciale-economico, ma il valore dei nostri integratori».

La linea X-Treme viene scientificamente testata dall'Istituto delle Scienze Sportive dell'Università di Heinrich-Heine di Dusseldorf, riferimento accademico europeo nella ricerca nutrizionale. I prodotti Inkospor nascono per l'alimentazione dietetica e clinica, prima ancora che per quella sportiva.
Il marchio Inkospor è nato nel 1982 ed è leader in Europa nel settore degli integratori alimentari: è stato sviluppato dall'azienda farmaceutica tedesca Nutrichem Diat+ Pharma GmbH che dal 2012 è entrata a far parte del colosso mondiale B-Braun.
Il logo Inkospor nella stagione 2019 comparirà su tutti i mezzi ufficiali del team Androni Giocattoli Sidermec, così come è stato in quella appena trascorsa. Novità sarà, invece, la presenza del marchio sulle sacche rifornimento e sulle borracce. Perché l'alimentazione e l'integrazione dei campioni d'Italia passa, naturalmente, da Inkospor.


ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC: 36 VITTORIE. RECORD PER UN TEAM PROFESSIONAL

Il team sul palco del Gran Piemonte (www.sirotti.it).

Un record, un altro da aggiungere alla lunga stagione dei record dell’Androni Giocattoli Sidermec. È quello del numero di vittorie stagionali: 36. Mai, da quando nel 2005 il ciclismo aveva fatto il salto nel Pro Tour, una squadra di categoria Professional era riuscita a vincere così tanto in stagione.

Una sequenza partita in gennaio con la prima corsa dell’anno e chiusa vincendo allo stesso modo a fine ottobre l’ultima gara. Il primo acuto, infatti, lo aveva portato Matteo Malucelli con una grande volata nella prima tappa della Vuelta al Tachira in Venezuela: era la prima gara del 2018, il 12 gennaio. La vittoria numero 36, invece, a chiudere il cerchio di un anno eccezionale per l’Androni Giocattoli Sidermec, l’ha centrata il 31 ottobre nell’ultimo giorno di gara Fausto Masnada con la conquista della classifica generale del Tour of Hainan.

In mezzo successi in ogni dove con i campioni d’Italia a segno in America, Asia ed Europa, vale a dire in tutti e tre i continenti nei quali hanno corso.

A gennaio avevano brindato Malucelli e gli scalatori Rivera e Sosa. A marzo Belletti era tornato al successo con la maglia dei campioni d’Italia in Malesia. Malucelli e Sosa, su terreni ovviamente diversi, sono stati i mattatori nelle due corse a tappe in Romania. A Sibiu ha alzato le braccia anche Ballerini, ben prima del suo gran finale di stagione e degli acuti al Pantani e al Matteotti.

Sprint vincenti di Malucelli sono arrivati anche in Francia e Spagna, mentre in agosto in Ungheria il dominatore è stato Belletti.

L’Adriatica Ionica Race ha segnato la consacrazione del piccolo grande scalatore Ivan Sosa, bravissimo pure a Burgos, dove tra gli acuti di giornata si è visto un grande capitan Gavazzi.

In Oriente al Tour of China ha vinto, invece, Benfatto, dove pure han fatto la voce grossa Malucelli e lo stagista Lizde; sempre in Asia, ma ad Hainan, olè per Belletti, ancora Benfatto e Masnada.

In Sudamerica, dopo i botti di inizio anno, invece, in estate, oltre alla volata di Benfatto, gli applausi se li è presi Matteo Spreafico.

Tre dozzine di vittorie, insomma, perché c’è da contare anche quella di Sosa al Tour de l’Avenir per una Androni Giocattoli Sidermec che nel 2018 ha collezionato 123 podi. Un altro record, come i giorni di fuga al Giro d’Italia, che al team manager Gianni Savio fa dire: «Siamo orgogliosi per i risultati ottenuti in una stagione davvero entusiasmante: il titolo di campione d'Italia a squadre, il podio europeo e le 36 vittorie, che rappresentano un record mondiale per un team di categoria Professional. Un risultato importante raggiunto da corridori, dirigenti, tecnici e personale, un gruppo unito e coeso, nel quale il successo di uno ha sempre rappresentato la vittoria di tutti».


ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC PREMIATA ALLA CASTELLINA

Giornata speciale quella di oggi per l’Androni Giocattoli Sidermec alla Castellina nel convento del ciclismo. Tre protagonisti del premio “Coraggio e avanti”, che il centro spirituale del ciclismo di Santa Lucia promuove da tempo, lo sono o lo sono stati anche per la squadra campione d’Italia.

A Sesto Fiorentino a ricevere gli applausi del pubblico per il 15° “Coraggio e avanti”, infatti, è toccato a Davide Ballerini. Il giovane canturino, passato professionista con l’Androni Giocattoli Sidermec nel 2017, nel finale di questa stagione, dove ha indossato anche la maglia azzurra ai campionati Europei, ha vinto Memorial Pantani e Trofeo Matteotti: dopo l’esperienza con i campioni d’Italia Ballerini, che ha donato la sua maglia al convento, passerà nel World Tour all’Astana. L’Ammiraglio d’oro è andato a Giovanni Ellena, uno dei direttori sportivi dei campioni d’Italia; Ellena quest’anno ha ottenuto pure l’Oscar Tuttobici; mentre il premio over 35 di fine carriera ha visto protagonista Franco Pellizotti, in questo 2018 alla Bahrain Merida, ma con un importante passato nella formazione di Gianni Savio. E naturale che proprio il team manager torinese abbia fatto a pieno titolo il padrino di queste tre premiazioni. Savio, che ricevette l’Ammiraglio d’oro dagli organizzatori del premio Giacinto Gelli e Luca Limberti nel 2012, infatti, ha lanciato Davide Ballerini nella massima categoria e Giovanni Ellena, ormai diverse stagioni fa, in ammiraglia. Di Franco Pellizotti, invece, Savio è l’artefice del rilancio a partire dal 2012. Proprio sotto la sua guida il corridore friulano vinse il campionato italiano in quell'anno.

I premi alla Castellina sono arrivati a margine di una due giorni importante, che sabato ha visto impegnati anche i direttori sportivi di Androni Giocattoli Sidermec nella sessione d’aggiornamento proprio dedicata ai tecnici.


ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC E SELLE SAN MARCO ASSIEME ANCHE NEL 2019

Proseguirà con reciproca soddisfazione anche nel 2019 la partnership tra Androni Giocattoli Sidermec e Selle San Marco.

L’abbinamento tra la storica azienda, che ha sede a Romano D’Ezzelino, e i campioni d’Italia era partito un anno fa con l’obiettivo di essere da rilancio e consolidamento per un brand d’eccellenza come San Marco e di fornire al team un prodotto top di qualità e affidabile. E così è stato nel corso di una stagione importante, passata attraverso il Giro d'Italia e ricca di incredibili successi, ottenuti da Androni Giocattoli Sidermec sulle biciclette Bottecchia equipaggiate Selle San Marco.

«Siamo estremamente soddisfatti del rapporto con Selle San Marco» spiega il responsabile marketing e sponsor di Androni Giocattoli Sidermec Marco Bellini, in visita all’azienda veneta guidata da Giuliana Bigolin la scorsa settimana. «Tecnicamente parliamo di selle di grande qualità, che prima di tutto hanno incontrato il gradimento dei nostri corridori». Poi Bellini, che a Romano d’Ezzelino si è incontrato con il responsabile marketing di Selle San Marco Paolo Frison, parla della bella sinergia che si è venuta a creare: «Voglio sottolineare la grande professionalità, attenzione ai particolari e disponibilità che Selle San Marco ha messo in campo per l’intera stagione nel seguire richieste ed esigenze dei corridori, lavorando per far si che potessero sempre gareggiare nelle migliori condizioni possibili».

Come per quest’anno anche nel 2019 il logo Selle San Marco, rinnovato nel suo look proprio nei mesi scorsi, troverà spazio sulla divisa del team, oltre che su tutti i mezzi ufficiali dei campioni d’Italia.