Prosegue la costruzione della nuova stagione per i campioni d’Italia. Dopo il rinnovo della Sidermec di Pino Buda, per il team di Gianni Savio e Marco Bellini arriva un’altra importantissima conferma per il 2021. La squadra, infatti, pedalerà ancora sulle biciclette Bottecchia.


È logica e naturale la prosecuzione della partnership con l’azienda di Cavarzere, che tante gioie ha portato in queste stagioni. Dal 2017, anno d’avvio del sodalizio, non sono certo mancate vittorie e grandi soddisfazioni. Con la performante e bella Emme 4 Squadra sono arrivate eccellenti prestazioni. E a Cavarzere il lavoro per fornire il miglior prodotto possibile va avanti incessante, come ha assicurato al momento della firma del contratto Diego Turato, il Ceo di Bottecchia. Guarda al futuro, dunque, nel segno della reciproca soddisfazione la collaborazione tra team e azienda, nel segno di un’affidabilità che le biciclette Bottecchia, uscite dal Reparto Corse di Cavarzere, hanno dimostrato a più riprese.

A commentare l’accordo è il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio: «Le biciclette Bottecchia hanno accompagnato i nostri corridori in tante vittorie nelle ultime stagioni con i giovani Davide Ballerini, Andrea Vendrame, Mattia Cattaneo, Fausto Masnada, Ivan Sosa e sopratutto Egan Bernal, tutti corridori lanciati nel World Tour». Con Bottecchia, però, la storia non è solo recente: «A me piace ricordare anche i successi ottenuti negli anni Novanta quando dirigevo la Zg Mobili – Selle Italia. Tra i più importanti la classifica finale della Tirreno-Adriatico con Stefano Colagè, le tappe al Giro d’Italia con Andrea  Ferrigato e Massimo Ghirotto e una tappa regina del Tour de France con Nelson Cacaito Rodriguez, vittorioso a Val Thorens davanti a Piotre Ugrumov e Marco Pantani. Considero Bottecchia sinonimo di qualità nelle biciclette e di correttezza nei titolari Diego Turato e Marco Sguotti».