Nome e cognome
Ivan Sosa
Con Androni Team dal
2017
Professionita dal
2017
Data di nascita
31/10/1997
Età
20
Luogo di nascita
Fusagasuga (Colombia)
Residenza
Fusagasuga (Colombia)
Altezza
167 cm
Peso
52 kg
Nazionalità
Colombia

Ivan Ramiro Cuervo Sosa: semplicemente Ivanito. Talento colombiano, Ivan sembra poter essere l’ennesima grande scoperta di Gianni Savio. Il team manager lo ha fatto debuttare giovanissimo (19 anni) tra i professionisti l’anno scorso, provenienza Maltinti Lampadari. Subito Ivan ha ripagato la fiducia con una serie di interessanti prestazioni e buoni piazzamenti in salita. Primo in un paio di classifiche dei giovani di brevi corse a tappe, nel 2018 a 21 anni da compiere sembra già aver fatto un grande salto in avanti. Primo in una tappa della Vuelta al Tachira in Venezuela, ma soprattutto con i migliori in Colombia alla Oro y Paz nel mese di febbraio. Poi bene quasi sempre, da Larciano alla Coppi e Bartali, per arrivare al Tour of the Alps, a due terzi posti parziali e un giorno con la maglia di leader della classifica, prima che una caduta rovinasse tutto. Con la sfortuna non dovrebbe più fare i conti quest’anno.

A giugno è ripartito alla grande per un’estate caldissima. In tre mesi ha vinto quattro delle cinque gare a tappe a cui ha partecipato con la maglia dei campioni d’Italia: Tour of Bihor, Adriatica Ionica Race, Sibiu Tour e Vuelta a Burgos. Proprio in Spagna ha entusiasmato andandosi a prendere, dopo aver staccato tutti in salita, la classifica generale con la conquista dell’ultima tappa. All’Adriatica Ionica ha lasciato tutti sulle pendenze del Passo Giau. Per lui quattro gare a tappe vinte tutte con la stessa “modalità”: successo parziale in salita e conquista della maglia di leader. Che bravo!

Vincitore nove volte in stagione con la maglia dell’Androni Giocattoli Sidermec a cui aggiungere un successo parziale con la Colombia al Tour de l’Avenir.

Principali risultati 2018: 33° Milano-Torino; 5° Val d’Isère-Saint-Colomban-des-Villards Col du Glandon (Tour de l’Avenir); 2° La Bathie-Crest-Voland Cohennoz (Tour de l’Avenir); 1° Moutiers-Méribel (7ª tappa Tour de l’Avenir); 1° Vuelta a Burgos; 1° Salas de los Infantes-Lagunas de Neila (5ª tappa Vuelta a Burgos); 2° Sedano-Espinosa de los Monteros (Vuelta a Burgos); 1° Sibiu Tour; 1° Sibiu-Balea Lac (1ª tappa Sibiu Tour); 1° Adriatica Ionica Race; 1° Mussolente-Passo Giau (3ª tappa Adriatica Ionica Race); 10° Ljubljana-Kamnik (Tour of Slovenia); 1° Tour of Bihor; 1° Oradea-Stana de Vale (2ª semitappa Tour of Bihor); 3° Lavarone-Fiemme/Alpe di Pampeago (Tour of the Alps); 3° Arco-Folgaria (Tour of the Alps); 12° Coppi e Bartali; 7° Riccione-Sogliano al Rubicone (Coppi e Bartali); 6° Oro y Paz; 5° Pereira-Salento (Oro y Paz); 7° Buga-Alto de Boqueron (Oro y Paz); 10° Vuelta al Tachira; 7° San Cristobal-San Cristobal (Vuelta al Tachira); 2° Urena-Cerro Cristo Rey (Vuelta al Tachira); 7° Santa Cruz de Mora-La Grita (Vuelta al Tachira); 3° La Fria-Tovar (Vuelta al Tachira); 1° San Juan de Colon-San Simon (4ª tappa Vuelta al Tachira).