Ha i connotati del Giro eccezionale quello che sta disputando l’Androni Giocattoli Sidermec. Oggi nel tappone (16ª frazione, Lovere-Ponte di Legno di 194 chilometri) pur orfano dell’impraticabile Gavia, ma con il Mortirolo, molto altro prima e l’arrivo finale a Ponte di Legno, è arrivata una prova superba dei campioni d’Italia, ancora in evidenza con Fausto Masnada (3°) e Mattia Cattaneo (10°).

In fuga fin dalle prime fasi di corsa i due bergamaschi dell’Androni Giocattoli Sidermec sono stati bravissimi, mostrando ancora una volta la gran condizione che palesano da inizio Giro, a resistere al ritorno dei big e ottenere due grandi piazzamenti nella top ten della frazione vinta da un brillante Giulio Ciccone e con quasi tutti i big della classifica in grande spolvero. In questo mix di emozioni, salite e scatti Fausto Masnada dopo il Mortirolo ha pedalato tutto solo tra la testa della corsa (Ciccone e Hirt) e il gruppetto dei migliori guidato da Nibali: per il 25enne di Brembilla, vincitore a San Giovanni Rotondo, gran resistenza e terzo posto all’arrivo ad 1’20” dai primi due e davanti di una ventina di secondi rispetto a Nibali, Carthy, Carapaz, Landa, Dombrowski e Caruso. Decimo posto nello stesso gruppetto, poi, per Mattia Cattaneo, anche lui bravo a resistere al forcing dei migliori cui si è accodato negli ultimi quindici chilometri.

Prova superba dunque per i due talenti di casa Androni Giocattoli Sidermec, che inventano una tappa incredibile proprio dopo il giorno di riposo di ieri e solo quarantotto ore dopo il secondo posto di Cattaneo a Como. Cattaneo che è sempre terzo nella classifica della montagna. Masnada risale in 18ª posizione in generale, mentre è quarto nella classifica a punti.

Domani al Giro sarà 17ª tappa da Commezzadura ad Anterselva di 181 chilometri ancora con parecchia salita.