È tornato ufficialmente a muoversi il conteggio delle vittorie stagionali per l’Androni Giocattoli Sidermec. Sono di Josip Rumac i primi acuti post lockdown per il team campione d’Italia, che in questi mesi si era ben difeso anche con le corse virtuali e proprio negli ultimi giorni aveva già festeggiato anche su strada con lo svizzero Pellaud (l’ultima volta proprio ieri con il campionato nazionale della montagna) in gare del calendario elvetico.

Ci ha pensato il croato Rumac a mettere il sigillo nelle prime corse della ripresa dell’attività inserite nel calendario internazionale Uci. E lo ha fatto vincendo il campionato nazionale a cronometro e quello in linea. Il 25enne di Fiume continuerà così ad indossare la maglia di campione nazionale della Croazia: sabato e ieri, infatti, ha bissato i successi del 2019.

Nella prova a cronometro (Sibenik-Sibenik di 28,2 chilometri) Rumac ha preceduto con largo margine Popovic e Bebic; in quella in linea (Zadar-Zadar di 127,6 chilometri), conclusasi nel tardo pomeriggio di ieri, ha preceduto allo sprint Potocki (Ljubljana) e Barac (Meridiana). Rumac, seguito in corsa dal direttore sportivo Leonardo Canciani, ha portato all’Androni Giocattoli Sidermec rispettivamente la 12ª e 13ª vittoria della stagione, riprendendo il filo interrotto a fine febbraio con gli acuti del Tour du Rwanda.

Soddisfatto il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio: «Un fine settimana davvero entusiasmante per la nostra squadra, con il doppio successo di Josip Rumac nel campionato croato a cronometro e su strada. Inoltre Simon Pellaud si è  imposto nel campionato svizzero della montagna. Per concludere, i due giovani della Arvedi che abbiamo ingaggiato per la prossima stagione, hanno conquistato a Imola il Podio dell’ExtraGiro: Filippo Conca primo e Kevin Colleoni terzo classificato».

Intanto l’Androni Giocattoli Sidermec ha scelto di non prendere parte al Sibiu Tour in programma in Romania dal 23 al 26 luglio a causa del peggioramento della situazione legata al Coronavirus nel paese balcanico in questi ultimi giorni. La decisione, che arriva anche dopo le indicazioni del dottor Maurizio Vicini (il medico della squadra), va a totale salvaguardia della salute dei corridori e dello staff del team che ridebutterà per questo 2020 alle Strade Bianche il prossimo 1 agosto.