ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC VERSO LA TRIPLA ATTIVITA’: PRIMO APPUNTAMENTO IL TOUR DE LANGKAWI

Dal Sudamerica all’Oriente. Poi ancora Sudamerica e finalmente Italia. L’Androni Giocattoli Sidermec si prepara ad un intenso periodo di corse che porterà in pratica tripla attività per il team.

In attesa di Tour Colombia e del Trofeo Laigueglia, intanto, una parte dei campioni d’Italia è già in Malesia dove venerdì 7 febbraio scatterà il Tour de Langkawi (Uci 2.Pro), anticipato domani da un circuito. Storicamente corsa che ha sempre detto bene ai ragazzi del team manager Gianni Savio, il Tour malese per l’Androni Giocattoli Sidermec vedrà al via Luca Chirico, Luca Pacioni, Kevin Rivera, Nicola Venchiarutti e Mattia Viel. Proprio Pacioni e Rivera hanno già assaporato il gusto della vittoria in questo brillante inizio di stagione con gli acuti in Venezuela alla Vuelta al Tachira.

La gara malese si concluderà il 14 febbraio dopo otto tappe tra le quali spicca quella classica con l’arrivo a Genting Highlands. Prima di rientrare in Italia, poi, i corridori guidati in Oriente dal direttore sportivo Giampaolo Cheula, disputeranno il 15 febbraio la Malaysian International Classic Race (Uci 1.1).


IL BILANCIO DI UNA GRANDE VUELTA A SAN JUAN PER L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC

Benissimo era andata in Venezuela al debutto stagionale e benissimo è andata alla Vuelta a San Juan Internacional, la seconda corsa del 2020 per l’Androni Giocattoli Sidermec. I campioni d’Italia nella gara argentina (2.Pro), che vedeva al via diversi World Team, sono stati assoluti protagonisti per tutte e sette le tappe.

L’acuto è arrivato nella quinta frazione con un eccezionale Miguel Florez: il colombiano si è imposto con un gran colpo sul traguardo dell’Alto de Colorado, il più prestigioso della corsa. “Sempre presente” Manuel Belletti, che ha aperto con una gran volata e un secondo posto e ha chiuso con un altrettanto bello sprint e un quarto posto dietro ai big Gaviria, Sagan e Hodeg. Il velocista romagnolo ha collezionato anche un ottavo e un altro quarto posto. In evidenza pure il neoprofessionista Mattia Bais, che ci ha provato quasi sempre, restando in una frazione allo scoperto per oltre 100 chilometri. Bais ha pure chiuso al terzo posto la classifica dei gran premi della montagna.

C’è di che essere soddisfatti, dunque, per il team campione d’Italia che con quella argentina ha raggiunto quota sei vittorie in stagione. Da San Juan l’Androni Giocattoli Sidermec, guidata dal team manager Gianni Savio e dal direttore sportivo Alessandro Spezialetti, ha portato a casa pure il quarto posto nella classifica a squadre e il quinto in classifica generale (vinta dal talento belga Evenepoel) di Miguel Florez, con lo svizzero Simon Pellaud pure lui bravo a difendersi bene.


SI CHIUDE CON UN QUARTO POSTO DI BELLETTI LA VUELTA A SAN JUAN DELL’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC

Chiusura in bello stile per l’Androni Giocattoli Sidermec alla Vuelta a San Juan. Nella settima e ultima tappa (San Juan-San Juan di 141,3 chilometri) della corsa argentina è arrivato l’ennesimo piazzamento di Manuel Belletti.

Il velocista romagnolo nello sprint conclusivo ha chiuso quarto, dovendosi inchinare solo a Fernando Gaviria, il vincitore, Peter Sagan e Alvaro Hodeg, tre big delle volate. Belletti, secondo nella prima frazione, si è messo alle spalle Hofstetter, Barbier, Appollonio, Mora, Soto e Benfatto.

In classifica generale (si è imposto il belga Evenepoel) per i campioni d’Italia ha terminato al quinto posto Miguel Florez, il vincitore all’Alto de Colorado.


ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC SEMPRE PROTAGONISTA A SAN JUAN: BELLETTI QUARTO

È sempre Androni Giocattoli Sidermec sugli scudi quella di scena in Argentina alla Vuelta a San Juan. Nella tarda serata italiana di ieri, a conclusione della sesta tappa (174,5 chilometri con partenza e arrivo all’autodromo El Villicúm), è arrivato il quarto posto di Manuel Belletti. A vincere è stato il belga Stybar, che ha allungato ai -500 metri dal traguardo anticipando di fatto la volata; poi hanno chiuso Molano, Barbier e appunto Belletti. Il romagnolo dell’Androni Giocattoli Sidermec, sempre ben piazzato negli sprint della corsa argentina, ha preceduto Oss, Sagan e Hodeg.

«La squadra ha svolto un ottimo lavoro, pilotando bene Manuel nel finale di gara. Siamo orgogliosi dei risultati ottenuti e nell'ultima tappa cercheremo di chiudere in bellezza» spiega da San Juan il team manager dell’Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio.

La più importante corsa sudamericana si chiuderà nella serata italiana con la settima e ultima tappa, la San Juan-San Juan di 141,3 chilometri.


CHE COLPO A SAN JUAN PER L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC: FLOREZ PRIMO NELLA TAPPA REGINA

Uno scatto secco ai 300 metri dall’arrivo e poi tutta la gioia di Miguel Florez e dell’Androni Giocattoli Sidermec. È finita così nella tarda serata di ieri sul traguardo dell’Alto de Colorado, il più prestigioso della Vuelta a San Juan Internacional. La quinta tappa (San Martín-Alto Colorado, 169,5 chilometri) della corsa argentina ha sorriso ai campioni d’Italia, che hanno chiuso così un gennaio incredibile in quanto a risultati, grazie al 23enne colombiano bravissimo a restare con il gruppetto ridotto (sei corridori) che si è giocato il successo sulla salita finale. Florez, che ha scelto alla perfezione i tempi per chiudere a braccia alzate la tappa, prima aveva tenuto botta ai tentativi soprattutto di Evenepoel, poi con un allungo preciso e deciso ha scritto l’ordine d’arrivo in cui si è messo alle spalle Sevilla, McNulty, Martin, Evenepoel e Ganna, in pratica il meglio della gara argentina. «Mi sono preparato bene per il debutto stagionale» ha commentato Florez subito dopo l’arrivo «ed ora provo una grande gioia per questo successo. La squadra mi ha sostenuto bene e nel finale ho colto l'attimo giusto per scattare e vincere». Il colombiano, al secondo anno con i campioni d’Italia e primo in questo inizio di 2020 in un circuito minore nel suo paese, ha colto il terzo successo in carriera.

Felice più che mai per i suoi ragazzi il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio, che sta guidando la squadra in Argentina con il direttore sportivo Alessandro Spezialetti: «Abbiamo dato fiducia a Miguel Florez e lui l'ha ripagata nel migliore dei modi. È una vittoria decisamente importante, perché ottenuta in una corsa di prestigio, di fronte a grandi squadre del World Tour». Per i campioni d’Italia si tratta del sesto successo di questo eccezionale inizio di 2020.

Florez con la bella vittoria di ieri è risalito al quinto posto in classifica generale a 2’11” dal belga Evenepoel. Oggi a San Juan sesta e penultima tappa: Autódromo El Villicúm-Autódromo El Villicúm (174,5 chilometri).


ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC: A SAN JUAN BELLETTI NEI TOP TEN E AMARCORD RUJANO

Ha portato un ottavo posto la quarta tappa della Vuelta a San Juan all’Androni Giocattoli Sidermec. Per i campioni d’Italia ad entrare ieri nella top ten nella San José de Jáchal-Villa San Agustin (185,8 chilometri) è stato Manuel Belletti. Il velocista romagnolo, che aveva sfiorato il successo nella prima tappa chiusa con un bel secondo posto, ha terminato alle spalle del vincitore Gaviria, di Barbier, Hodeg, Sagan, Allegaert, Van Lerberghe e Benfatto.

La tappa aveva visto ancora una volta tra i più intraprendenti Mattia Bais, in fuga nelle fasi iniziali di gara.

La quarta frazione della Vuelta a San Juan per l’Androni Giocattoli Sidermec e il suo team manager Gianni Savio è stata anche l’occasione per un piacevole amarcord. Alla partenza, infatti, ha posato con i campioni d’Italia per una foto Josè Rujano, il corridore venezuelano che sta disputando la corsa argentina con una formazione nazionale del suo paese e che nel 2005, proprio sotto alla guida di Savio, ottenne il terzo posto al Giro d’Italia. Quel Giro fu trionfale per l’allora Colombia - Selle Italia che vinse due tappe con Parra, una con Rujano, i gran premi della montagna con lo stesso Rujano che centrò, come detto, il podio finale.

La Vuelta a San Juan, che si concluderà domenica, oggi osserverà una giornata di riposo. Domani quinta tappa con l'arrivo all'Alto de Colorado.


L'ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC PARTE FORTE ANCHE A SAN JUAN: BELLETTI SECONDO NELLA PRIMA TAPPA

Parte forte anche a San Juan l’Androni Giocattoli Sidermec. In Argentina prosegue il magico avvio dei campioni d’Italia, mai giù dal podio in questo 2020 con gli exploit in Venezuela. Nella tarda serata italiana di ieri nella prima tappa della gara argentina (San Juan-San Juan di 163,5 chilometri), infatti, è arrivato il secondo posto di Manuel Belletti, davvero vicino a sfiorare il colpaccio in una volata in cui ha ceduto per pochissimo, dopo una gran rimonta, solo al francese Rudy Barbier (Israel start up Nation). Dietro al romagnolo dell’Androni Giocattoli Sidermec, già più volte protagonista in passato a San Juan, sono finiti l’argentino Connte, i colombiani Molano e Hodeg, Peter Sagan, Maikin, Wackermann, Gaviria e Lemoine in uno sprint grandi nomi condizionato anche da una caduta negli ultimi tre chilometri.

L’ottimo avvio dei campioni d’Italia a San Juan, oltre al secondo posto di Belletti, lo ha certificato anche la lunga fuga di giornata nella quale è stato bel protagonista Mattia Bais, l’ultimo del manipolo di attaccanti ad essere ripreso ad una trentina di chilometri dal traguardo. Per il neoprofessionista Bais, già in evidenza nel finale di stagione dell’anno scorso quando era stagista, più di 100 i chilometri di fuga.

Soddisfatto anche il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio: «Oggi, la squadra ha lavorato benissimo, interpretando perfettamente le indicazioni della riunione tecnica. Mattia Bais è entrato subito nella fuga di giornata ed è stato per tanti chilometri all'attacco. Nel finale il "treno rosso" ha pilotato bene Manuel Belletti, autore poi di una splendida volata con la quale ha sfiorato la vittoria».

Oggi la Vuelta a San Juan proporrà la seconda tappa (Pocito-Pocito di 167,9 chilometri).


L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC A SAN JUAN PER PROSEGUIRE IL BRILLANTE INIZIO DI STAGIONE

Tutto pronto a San Juan in Argentina per l’inizio della Vuelta che scatterà nel pomeriggio italiano di oggi con una tappa di 163,5 chilometri e vedrà l’Androni Giocattoli Sidermec tra le attese protagoniste.

Ieri sera a San Juan la presentazione delle squadre che per il team campione d’Italia è stata l’occasione per consegnare la nuova maglia al governatore Sergio Unac, grande appassionato di ciclismo. «La presentazione» spiega il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio «si è svolta nella splendida cornice del Teatro Bicentenario. Tutte le formazioni sono state accolte sul palco dalle autorità politiche della provincia di San Juan e dal calore degli appassionati locali. Noi, come tradizione, abbiamo lasciato una nostra maglia».

La Vuelta a San Juan (Uci 2.1) si concluderà il 2 febbraio: sette le frazioni in programma, tra cui la cronometro individuale di Punta Negra e il classico arrivo in salita all’Alto de Colorado. In Argentina per i campioni d’Italia, reduci da cinque successi alla Vuelta al Tachira in Venezuela, saranno al via Manuel Belletti, Mattia Bais, Miguel Florez, Mattia Frapporti, Simon Pellaud e Simone Ravanelli. A dirigere la squadra con il team manager Gianni Savio ci sarà il direttore sportivo Alessandro Spezialetti.


L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC ALLA VUELTA A SAN JUAN CON I SEMPRE PRESENTI SAVIO E BELLETTI

Parte domani con una piccola curiosità per l’Androni Giocattoli Sidermec la Vuelta a San Juan Internacional. La corsa a tappe argentina (Uci 2.Pro) si concluderà il 2 febbraio dopo sette frazioni, tra cui una cronometro e il classico arrivo in salita all’Alto de Colorado.

Ma torniamo alla curiosità, riportata proprio in queste ore da alcuni media sudamericani: il team manager dell’Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio e il velocista romagnolo dei campioni d’Italia Manuel Belletti sono gli unici due europei ad aver preso parte a tutte le gare disputate a San Juan sotto l’egida dell’Uci (Vuelta 2017, 2018 e 2019 e ancor prima Giro del Sol nel 2010). Un dato statistico che certo i campioni d’Italia sperano sia ben augurante in vista del secondo impegno stagionale, dopo il debutto con cinque vittorie alla Vuelta al Tachira in Venezuela.

A San Juan, dove saranno al via sei World Team, l’Androni Giocattoli Sidermec schiererà appunto Manuel Belletti, che in passato ha sfiorato già diverse volte il successo, Simone Ravanelli, al debutto dopo lo stage dell’anno scorso, il colombiano Miguel Florez, lo svizzero Simon Pellaud, alla prima ufficiale con i campioni d’Italia, Mattia Bais, anche lui reduce dallo stage del 2019, e Mattia Frapporti. A dirigere i corridori in ammiraglia saranno Gianni Savio e il direttore sportivo Alessandro Spezialetti.


L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC E L’ECCEZIONALE BILANCIO DELLA VUELTA AL TACHIRA

È stato un inizio di stagione con il botto quello dell’Androni Giocattoli Sidermec alla Vuelta al Tachira. Non lo si può che definire così l’avvio di 2020 per i campioni d’Italia, che escono dal Tachira, la Vuelta Grande de America, con un bottino incredibile. Su otto tappe i corridori guidati in Venezuela dal team manager Gianni Savio e dal direttore sportivo Giampaolo Cheula ne hanno vinte ben cinque, con tre secondi posti nelle frazioni in cui non è arrivato il successo. Ad imporsi sono stati Luca Pacioni nella prima tappa a San Cristobal, Jhonatan Restrepo a Rubio e Borota e Kevin Rivera a Palmira nella cronometro e al Cristo Rey in salita nella tappa regina della corsa.

Sui podi parziali in seconda posizione sono finiti Pacioni a Abejalis (nello stesso giorno in cui è arrivato quinto Nicola Venchiarutti), Rivera a La Grita e Restrepo ieri nella chiusura a San Cristobal. Per restare solo ai podi, vanno ricordati i due terzi posti di Munoz a Borota e Cepeda a Palmira. Proprio il giovane ecuadoriano è stato sfortunatissimo, dovendosi ritirare nel corso della penultima tappa (frattura al polso sinistro) per una caduta quando era terzo in classifica generale. A proposito di classifica generale c’è da applaudire, invece, Kevin Rivera che ha terminato al terzo posto alle spalle dei venezuelani Campos (primo) e Ruiz. Munoz, l’altro meglio piazzato tra gli Androni Giocattoli Sidermec, ha concluso appena fuori dai dieci (11°). Anche nelle classifiche parziali le cose non sono andate male con Rivera che ha fatto quasi filotto, imponendosi nelle graduatorie dei giovani e della montagna e terminando al secondo posto in quella a punti.

Per l’Androni Giocattoli Sidermec è arrivato anche il terzo posto nella classifica a squadre: «Abbiamo ottenuto risultati anche superiori alle attese» spiega soddisfatto dal Venezuela il team manager Gianni Savio. «Davvero bravi i ragazzi a presentarsi in una buona condizione nella prima gara della stagione. Un segno evidente di professionalità, per aver eseguito accurati allenamenti nel periodo invernale».