Davide Gabburo (www.sirotti.it).

Ancora in fuga, ma soprattutto e purtroppo tanta sfortuna per l’Androni Giocattoli Sidermec, che alla Tirreno-Adriatico in due giorni ha perso, causa problemi fisici, Nicola Bagioli e Luca Pacioni, due dei protagonisti di queste prime frazioni della corsa dei due mari.

Oggi è andata in scena la Terni-Cascia di 194 chilometri con il successo dell’australiano Hamilton davanti all’ex dei campioni d’Italia Fausto Masnada. Per l’Androni Giocattoli Sidermec bella gara di Davide Gabburo, rientrato al chilometro 55 con un altro drappello di corridori sulla fuga di giornata. Il veronese, in una tappa non facile segnata dalle prime salite, è stato poi ripreso quando al traguardo di chilometri ne mancavano circa 35.

Alla sfortuna di ieri quando era stato Nicola Bagioli, titolare della maglia bianca di leader della classifica dei giovani, a doversi fermare a causa di crampi allo stomaco, si è aggiunta quella di oggi. Dopo pochi chilometri, infatti, ha messo piede a terra anche Luca Pacioni, bloccato da problemi gastrointestinali. Con quello di Kevin Rivera del primo giorno per gli stessi problemi è purtroppo il terzo ritiro in casa Androni Giocattoli Sidermec in questa Tirreno-Adriatico segnata dalla sfortuna.

Domani la corsa dei due mari proporrà la sua quinta tappa da Norcia a Sassotetto dove, dopo 202 chilometri, sarà l’arrivo in salita ad aspettare i corridori.