Jhonatan Restrepo alla Tirreno-Adriatico (Bettiniphoto).

Non basta la sfortuna a fermare l’Androni Giocattoli Sidermec che alla Tirreno-Adriatico si conferma protagonista. Nella Norcia-Sassotetto di 202 chilometri, quinta frazione della corsa dei due mari, è stato il colombiano Jhonatan Restrepo ad offrire un’ottima prova.

In fuga in pratica al “pronti via” il 25enne Restrepo, che tra gennaio e fine febbraio aveva colto ben sei vittorie tra Sudamerica e Ruanda contribuendo in maniera decisa ai tredici successi stagionali del team campione d’Italia, ha animato la tappa in compagnia di un gruppetto “grandi firme”, tra cui l’olandese Van Der Poel, arresosi al ritorno del plotone solo a poco più di una ventina di chilometri dal traguardo. A vincere la frazione con l’arrivo in salita a Sassotetto è stato Simon Yates, che ha conquistato pure la maglia di leader della classifica generale.

L’Androni Giocattoli Sidermec conferma così una volta di più, nonostante la sfortuna dei primi giorni che ha costretto Rivera, Bagioli e Pacioni a fermarsi, la sua propensione all’attacco e la determinazione a superare le situazioni avverse. Guidati in ammiraglia da Alessandro Spezialetti e Leonardo Canciani, che ha dato “il cambio” a Giovanni Ellena per questi ultimi giorni di corsa, i ragazzi del team manager Gianni Savio hanno mostrato una volta di più grande carattere.

La Tirreno-Adriatico domani propone la sua sesta tappa da Castelfidardo a Senigallia per 171 chilometri favorevoli, altimetria alla mano, alle ruote veloci.