ANDRONI SIDERMEC BOTTECCHIA CON BALLERINI SUL PODIO DELLA TIRRENO ADRIATICO

La Tirreno Adriatico dell’Androni Sidermec Bottecchia si chiude con l’immagine di Davide Ballerini, vincitore della Maglia Verde di Leader della Montagna, che sul palco delle cerimonie stappa la bottiglia di spumante per festeggiare con i tifosi il suo grande successo.

L’ultima tappa della Corsa dei Due Mari non ha riservato alcuna sorpresa per la formazione di Gianni Savio, diretta da Giovanni Ellena e Gianpaolo Cheula, consapevole già alla partenza che in una cronometro come quella di oggi, Egan Bernal avrebbe dovuto cedere la Maglia Bianca di Miglior Giovane al corridore della Quick Step, Bob Jungels.

Una prestazione comunque degna di gran nota, quella del giovane talento colombiano, che ha dovuto fare i conti con un avversario più portato di lui per la cronometro individuale.

“Complimenti a tutti i ragazzi – ha affermato anche oggi Gianni Savio - La Maglia Verde di Davide Ballerini è un grande orgoglio per lui e per tutta la squadra”.

Queste le parole del Re della Montagna subito dopo l’arrivo, nel ringraziare la squadra per il lavoro svolto: “Mi sono goduto questa cronometro fino in fondo. Di certo questa maglia è stata una grande spinta. E’ la prima volta in cui partecipo alla Tirreno Adriatico, è una grandissima emozione e spero di farla altre volte. Sono riuscito a tenere stretta questa maglia e ne sono molto contento”.


ANDRONI SIDERMEC BOTTECCHIA: BALLERINI RE DELLA MONTAGNA ALLA TIRRENO ADRIATICO

Rosso e bianco: sono questi i colori della divisa fiammante dell’Androni Sidermec Bottecchia. Ma con l'incredibile performance alla sua prima Tirreno Adriatico, Davide Ballerini ha introdotto anche il verde in squadra!

Grazie ai punti accumulati durante le lunghe fughe nelle quali è entrato, il giovane portacolori dell’Androni Sidermec Bottecchia, è stato infatti incoronato Re della Montagna della 52a edizione della Corsa dei Due Mari vincendo la Maglia Verde, che è stata assegnata oggi in occasione della penultima tappa vinta da Fernando Gaviria, in cui Ballerini stesso e Raffaello Bonusi sono stati ancora una volta in fuga per quasi tutta la durata della corsa.

“Sono riuscito a conquistarla proprio oggi – ha dichiarato a caldo Davide Ballerini ai microfoni della Rai subito dopo aver tagliato il traguardo – è stata una fantastica esperienza”.

E le telecamere della Rai hanno immortalato un bellissimo gesto sportivo proprio all'arrivo, dove Davide Ballerini ha ringraziato i suoi compagni di squadra superando la linea del traguardo.  “La Corsa finisce domani e rimarremo concentrati fino all’ultimo chilometro – ha dichiarato Gianni Savio subito dopo la cerimonia di premiazione -  ma il GPM di oggi rappresentava un traguardo importante per la nostra squadra e Davide Ballerini ha dimostrato tutta la sua determinazione vincendo una maglia così importante. Ancora una volta sono fiero e orgoglioso di lui, un neoprofessionista passista che vince il premio degli scalatori, e di tutti i ragazzi che stanno dimostrando il valore della nostra squadra nella seconda corsa a tappe più importante d’Italia”.

Molto attivo ancora una volta nel finale anche Mattia Cattaneo, sempre presente negli attacchi negli ultimi chilometri della corsa.

Nella foto, scattata al momento della partenza da Ascoli Piceno, Egan Bernal in Maglia Bianca, e Davide Ballerini sono stati immortalati di fianco al Campione del Mondo Peter Sagan, maglia Rossa, e al leader della Tirreno Adriatico Nairo Quintana.


ANDRONI SIDERMEC BOTTECCHIA: PARLANO I FATTI

Raffaello Bonusi va in fuga nei primi chilometri di corsa.
Davide Ballerini entra nella fuga di giornata, a caccia di punti per la Maglia Verde.
Mattia Cattaneo parte all'attacco nel finale di gara.
Egan Bernal arriva undicesimo sul traguardo di Fermo, dove si è imposto il Campione del Mondo Peter Sagan, e indossa la Maglia Bianca di Miglior Giovane.
Conciso e pungente Gianni Savio, in merito all'ennesima ottima performance dei suoi ragazzi: "Oggi la prestazione dell'Androni Sidermec Bottecchia alla Tirreno Adriatico si commenta da sola e dovrebbe far riflettere chi non ha creduto nel nostro progetto".
Domani mattina alla partenza da Ascoli Piceno Egan Bernal e Davide Ballerini indosseranno rispettivamente la maglia bianca e quella verde, di fianco a Nairo Quintana, leader della Corsa dei Due Mari.


ANDRONI SIDERMEC BOTTECCHIA: IN EVIDENZA BALLERINI E BERNAL

175 km in fuga, uno dei primi a scattare, l'ultimo a mollare!
Davide Ballerini ha onorato la maglia verde di Leader della Montagna e ha cercato di difenderla fino alle prime rampe del Terminillo, consapevole che i 15 punti in palio all'arrivo l'avrebbero costretto a cedere la maglia al vincitore di tappa.
E c'è stato infatti lo scambio di testimone con il re del Terminillo, Nairo Quintana, ora anche leader della Corsa dei Due Mari.
All'attacco negli ultimi chilometri anche Egan Bernal, che ha tenuto testa agli uomini di classifica dimostrando il suo grande talento.
"Lo spirito da guerriero con cui Davide Ballerini oggi ha cercato di tenere la Maglia di Leader della montagna è lo stesso con cui l'Androni Sidermec Bottecchia affronta tutte le corse" - ha dichiarato Gianni Savio, decisamente soddisfatto della prova di orgoglio della squadra. "E con lo stesso spirito ripartiremo domani, senza arrenderci, pronti a provare a riprendere la maglia e onorare la nostra partecipazione alla Corsa".


ANDRONI SIDERMEC BOTTECCHIA: PALINI SETTIMO, BALLERINI IN MAGLIA VERDE

"All'attacco"! È cominciata così, all'insegna della carica e della determinazione, anche la terza tappa della Tirreno Adriatico, con lo scatto di Mattia Frapporti e dei suoi 6 compagni di fuga, a pochi minuti dal via ufficiale della corsa.
Un'azione durata circa 150 chilometri, tenuta sempre a bada dalle squadre dei velocisti, che hanno cercato di non lasciar troppo spazio ai fuggitivi in vista del traguardo di Montalto di Castro, perfetto per le ruote veloci.
Ed è stato proprio un arrivo in volata, quello in cui ha dominato il Campione del Mondo Peter Sagan, davanti a Elia Viviani e Roelandts, con Andrea Palini settimo classificato.
"Anche oggi i ragazzi hanno interpretato perfettamente la corsa seguendo perfettamente quanto condiviso durante la riunione tecnica - ha dichiarato Gianni Savio al termine della corsa. Mattia Frapporti ancora una volta è stato grande protagonista di giornata, dimostrando che siamo una squadra sempre all'attacco. Complimenti a lui, ad Andrea Palini piazzatosi nei top ten, e a tutta la squadra per l'ottimo lavoro."
E da ieri non c'è solo il rosso, sulle fiammanti divise dell'Androni Sidermec Bottecchia: Davide Ballerini indossa ancora la maglia verde di Leader della Montagna.


Androni Sidermec Bottecchia – Gavazzi quinto e Ballerini Leader della Montagna

5, come gli uomini che dovevano alternarsi per entrare nella fuga di giornata. 2, come gli uomini di classifica che dovevano tenersi per il finale. 1, come l’uomo che doveva fare classifica di giornata.

Questi sono i numeri dello schema calcistico con cui l’Androni Sidermec Bottecchia è partita questa mattina da Camaiore nella seconda tappa della Tirreno-Adriatico.

5, come il quinto posto ottenuto da Francesco Gavazzi sul traguardo di Pomarance, alle spalle di corridori del calibro di Thomas, Dumoulin, Sagan e Van Avermaet.

2, come la coppia Davide Ballerini - Raffaello Bonusi, che hanno promosso la fuga di giornata che è durata 202 km.

1, come il primato di Davide Ballerini, Leader della Montagna grazie ai punti guadagnati durante la fuga odierna e al piazzamento davanti alla Nippo Fantini nella cronosquadre di ieri che gli ha permesso di indossare la Maglia a parità di punti con Alan Marangoni.

“Sono veramente fiero e orgoglioso dei miei ragazzi, bravissimi anche oggi nell’animare la corsa e nell’ottenere risultati importanti al cospetto di veri campioni – ha dichiarato Gianni Savio.
Gavazzi ha ottenuto un ottimo piazzamento, Ballerini e Bonusi sono stati protagonisti di un’azione che ha caratterizzato quasi tutta la tappa, e Ballerini stesso è leader della Montagna.

Vedere la maglia verde, che abbiamo vinto in passato con scalatori come Fredy Gonzales e Josè Rujano, indossata da un passista dimostra un grande lavoro e una grandissima determinazione.

Complimenti a tutti i ragazzi per come hanno interpretato la corsa e per continuare a correre sempre a testa alta guardando avanti, nonostante la grande ingiustizia dell’esclusione dal Giro d’Italia.”


BOTTECCHIA TERZO SPONSOR DELLA ANDRONI SIDERMEC

BOTTECCHIA TERZO SPONSOR DELLA ANDRONI SIDERMEC
Ha promesso di non arrendersi, e così sta facendo. La Androni Giocattoli Sidermec sta dimostrando grande spirito di combattività portando a casa ottimi risultati nelle corse di questo inizio stagione, a dimostrazione del fatto che la squadra continuerà l’attività e non si arrende di fronte alla grande ingiustizia rappresentata dall’esclusione dal Giro d’Italia del Centenario.

Fiducia nel futuro, da parte dei corridori, del management, dello staff, dei tifosi e soprattutto degli sponsor che continuano a sostenere il team.

E proprio alla vigilia della Tirreno Adriatico arriva un segnale importante da parte di Bottecchia: l’azienda di Cavarzere ha consolidato il proprio supporto al team diventando terzo nome della squadra nella Corsa dei due Mari.

“La tenacia, la costanza e la forza di volontà del grande campione Ottavio Bottecchia sono i valori che guidano l’azienda nella realizzazione di ogni progetto, e sono gli stessi valori che la nostra squadra esprime in occasione delle corse alle quali abbiamo l’onore di partecipare – ha dichiarato Gianni Savio -. Questo accordo è un segnale di fiducia molto importante per la nostra squadra, soprattutto perché arriva da un marchio storico e prestigioso, in una corsa a tappe World Tour. E proprio oggi, alla vigilia della Corsa, ricordo con grande piacere la vittoria di Stefano Colagè con la nostra squadra equipaggiata con bici Bottecchia alla Tirreno Adriatico nel 1995.”

Nella foto, il Capitano Francesco Gavazzi indossa la nuova maglia Androni Sidermec Bottecchia, realizzata dal Maglificio Rosti.


LA ANDRONI SIDERMEC ALLA TIRRENO ADRIATICO

Francesco Gavazzi, Mattia Cattaneo, Egan Bernal, Marco Frapporti, Mattia Frapporti, Davide Ballerini, Raffaello Bonusi e Andrea Palini: ecco i portacolori della Androni Sidermec per la 52^ edizione della Tirreno Adriatico.
Una cronometro a squadre, due arrivi per velocisti, due per finisseur e un traguardo in salita: queste le tappe in programma dall’8 al 14 marzo.
“Siamo onorati di prender parte alla Corsa dei Due Mari e di confrontarci ancora con le formazioni World Tour. – ha affermato Gianni Savio - Con lo spirito che contraddistingue la nostra squadra lotteremo per un successo di tappa e per essere protagonisti. Siamo pronti ad affrontare gli avversari di altissima qualità, ad animare le tappe e a entusiasmare i nostri tifosi.”


ANDRONI SIDERMEC: GRANDI NUMERI A LARCIANO

Quarto Mattia Cattaneo, quinto Egan Bernal, settimo Francesco Gavazzi. Questi sono i "numeri" dell'Androni Sidermec sul traguardo del Gran Premio Industria e Artigianato di Larciano.

Un gran "numero" quello della formazione diretta da Gianni Savio e Giovanni Ellena, che ha prima animato la corsa con una fuga del giovane Davide Ballerini con l'ex Capitano, Franco Pellizotti, e che è stata grande protagonista negli ultimi dieci chilometri di gara con gli scoppiettanti Mattia Cattaneo e Egan Bernal che hanno tenuto testa agli uomini del World Tour.

ANDRONI - SIDERMEC, MATTIA FRAPPORTI IN EVIDENZA ALLE STRADE BIANCHE

Anche alle Strade Bianche, subito all'attacco la Androni - Sidermec. Nessun timore reverenziale nei confronti dei grandi squadroni World Tour e la consapevolezza di poter fare bene, animando la corsa sin dall'inizio. Il primo tentativo di fuga è opera di Raffaello Bonusi - primo italiano vittorioso in questa stagione - in un quartetto poi ripreso dal gruppo. Dopo attacchi e contrattacchi si forma in testa un sestetto nel quale e' presente Mattia Frapporti. E' la fuga che caratterizza buona parte della giornata e raggiunge un vantaggio di sei minuti, che inizia a calare quando nel gruppo  attaccano i favoriti e i fuggitivi vengono via via raggiunti. "Abbiamo messo in evidenza i nostri giovani nella prima gara italiana del World Tour - ha dichiarato Gianni Savio - Complimenti a tutti e in particolare a Mattia Frapporti, Raffaello Bonusi e Fausto Masnada, tre neo professionisti che dopo aver corso all'attacco nella fase iniziale, sono riusciti a concludere una corsa durissima, tagliando il traguardo in Piazza del Campo a Siena, dove si e' imposto l'ex Campione del Mondo Michal Kwiatkowski".